Palazzo Visconti – progetto per rigenerare cortile e ponticello

E’ uno dei temi su cui l’Amministrazione Comunale è partita con più determinazione ed ora è pronto uno studio di fattibilità per l’adesione ad un bando che dovrebbe portare un contributo a fondo perduto di mezzo milione di euro per la “rigenerazione urbana” del cortile Palazzo Visconti e quella del ponticello sul torrente Lura che lo collegherà a Villa Gianetti con i percorsi di mobilità leggera.

E’ stato approvato lo studio di fattibilità del progetto con cui l’Amministrazione ha risposto al bando regionale che scade il prossimo 12 marzo.

Con il bando si potranno ottenere 500 mila euro a fondo perduto, una novità assoluta per la città visto che si potrebbe rivedere un primo intervento nel comparto dopo anni di abbandono. Non solo, Le tempistiche sono davvero strette considerato che i cantieri potrebbero partire già a fine novembre di quest’anno per concludersi per lo stesso mese del 2022.

Il progetto Comunale prevede la rigenerazione urbana di Palazzo Visconti attraverso il recupero del cortile gentilizio e quella del cosiddetto “lungo Lura” e del sistema della mobilità leggera del comparto.

Un doppio intervento in linea con i dettami del bando ma anche con gli obiettivi dell’Amministrazione comunale, che fin dal suo insediamento ha messo il recupero almeno del cortile dell’edificio civile più antico di Saronno nell’agenda delle priorità.

E’ stata proprio l’assessore ai Lavori Pubblici Novella Ciceroni ad organizzare un sopralluogo per l’intera Giunta all’ex villa di delizia per fare il punto della situazione e studiare le modalità per intervenire con decisione per restituire l’uso dell’edificio alla città.

E del resto, Obiettivo Saronno, ha sempre avuto una particolare attenzione per la riqualificazione dello stabile provato da anni di abbandono e dalle difficoltà di reperire fondi e di decidere una nuova destinazione. Complessivamente il progetto comunale prevede un investimento di 562.500 di cui la quota di 500.000 potrebbe essere coperta dal contributo regionale e il resto dalle casse comunali.

“Un obiettivo va perseguito con determinazione e lavoro di squadra. Questo bando è una opportunità e un inizio, proprio per come è impostato il bando stesso il cui testo fa riferimento a progetti di rigenerazione urbana che andranno avanti per step. Importante è iniziare e suscitare l’interesse anche verso forme di partecipazione pubblico/privato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe anche interessarti...